Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
it
arrow small
Close
booking
restaurant
offers
ideas
maps
arrivo
calendar
partenza
calendar
ospiti
ospite
cerca
Il territorio della cascata di memoria dantesca

Portico e San Benedetto in Alpe sono immersi in un contesto naturalistico senza pari, circondati da foreste secolari, che nascondono al loro interno la cascata dell’Acquacheta, decantata da Dante.

Le vicende di Portico sono legate sia alla famiglia dei conti Guidi, di Milano, che alla repubblica fiorentina. Nel 1386 la cittadina passo definitivamente sotto il controllo di Firenze e assunse una struttura urbanistica su tre piani, di stampo medievale, che tuttora si preserva in ottime condizioni. Meritano una visita la Pieve di S. Maria in Girone, la Torre medievale e Palazzo Portinari appartenente, secondo la tradizione, alla famiglia della Beatrice amata dal divino poeta.

Una singolare attrattiva nei dintorni di Portico, che viene condivisa con il comune di Tredozio per la posizione in cui si trova, è il Vulcano più piccolo d’Italia: una fiamma perenne che nasce dal sottosuolo, fenomeno conosciuto anche come “fontana ardente”, estremamente suggestivo. 

A San Benedetto in Alpe invece è di notevole rilievo quel che rimane di un’antica abbazia benedettina: questa, venuta alla luce per opera di San Romualdo, che scelse la località Poggio come luogo di fondazione, divenne un luogo molto influente tra l’anno 1000 e 1100.

eventi in città
I Racconti Della Nostra Terra

Da San Benedetto si raggiunge la Cascata dell’Acquacheta, citata dall’Alighieri nel XVI Canto dell’Inferno. Questo è davvero uno degli scorci più incantevoli dell’Appennino Romagnolo, dove l’acqua salta da un’altezza importante, per andare ad infrangersi fragorosamente sulle rocce, quasi con la stessa irruenza del Flegetonte, l’infernale fiume narrato nella Divina Commedia. Per le vie del centro storico di Portico è possibile imbattersi in botteghe artigiane che producono ceramica, lavorano il ferro battuto o si occupano di restauro ligneo. Mentre a San Benedetto in Alpe è l’antica arte della falegnameria, ad essere preservata e tramandata ai giovani del luogo.Tipicità gastronomiche di questa zona montana sono i frutti del bosco e del sottobosco che spesso diventano protagonisti di sagre ed eventi nel periodo autunnale.

Una vacanza su misura per ogni gusto

In Romagna Toscana l’ospitalità tipica della Romagna e della Toscana si uniscono per dare vita ad un connubio fatto di tradizione, gentilezza e genuinità. Le numerose strutture ricettive sono pronte a soddisfare le più disparate esigenze: sia che si raggiunga questa zona per trascorrere un fine settimana in famiglia, o un soggiorno all’insegna dello sport o della spiritualità. San Benedetto è una zona ideale per intraprendere numerosi sentieri escursionistici, che permettono di inoltrarsi nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.

TROVA LE OFFERTE PER TE