Menu menu
Chiudi
Dove dormire Dove mangiare Mappe

Benedizione con la catena del Santo taumaturgo

SARSINATRADIZIONI

Nella Valle del Savio sorge il comune di Sarsina, meta di migliaia di pellegrini, che giungono in questa parte della Romagna Toscana, per ricevere la tradizionale benedizione con la “catena” del Santo taumaturgo.

San Vicinio giunse a Sarsina per sfuggire alla malevolenza dell’imperatore Diocleziano. Dopo la morte, ai suoi resti venne attribuito il potere di curare le persone, e per questo fu definito taumaturgo. Nella Basilica di San Vicinio sono tuttora conservate le reliquie del santo, insieme alla sua miracolosa catena. Secondo la leggenda, questa era utilizzata da Vicino stesso per macerarsi le carni, ed è oggi considerata un forte simbolo religioso, che evoca la sofferenza umana.

A San Vicinio, ogni 28 agosto, viene dedicata una festa, durante la quale i fedeli ricevono i tradizionali curdlen, che simboleggiano la famosa catena di ferro. Questi sono fili colorati di seta, che vengono benedetti, per poi essere portati al collo da ammalati e devoti.

CONDIVIDI:
NEI DINTORNI
Parco delle Marmitte dei Giganti
Sarsina

Parco delle Marmitte dei Giganti

Dove i giganti riscaldavano le loro vivande

Sorbano: Tempio votivo e parco
Sarsina

Sorbano: Tempio votivo e parco

Dedicato alle vittime del nazismo

Lago di Quarto
Sarsina

Lago di Quarto

Uno specchio d'acqua sovrastato da una folta foresta

Pagnotta Pasquale
Sarsina

Pagnotta Pasquale

Dolce principe della cucina tradizionale romagnola

Guscioni
Sarsina

Guscioni

Riempiti con patate, zucca, bietola o spinaci

close

Cerca qui